Aggiornamenti in vista per la formazione alla sicurezza. Il nuovo Accordo Stato-Regioni, approvato il 3 settembre 2016, sostituisce il precedente del 26 gennaio 2006 “ritenuto non più coerente al quadro normativo”. Il documento, sancito dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano del 7 luglio e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 19 agosto 2016 (GU n. 193), è finalizzato “all’individuazione della durata e dei contenuti minimi dei percorsi formativi per RSPP e ASPP ai sensi dell'articolo 32 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modificazioni”.
Hai mai sentito parlare di flipped classroom? Sono già tanti i bambini e i ragazzi che a scuola hanno iniziato a sperimentare insieme ai loro insegnanti metodologie didattiche innovative che fanno uso intelligente delle tecnologie. Si parla sempre più spesso di insegnamento capovolto o classe ribaltata, ma cosa significa? La flipped classroom (classe capovolta) è una pratica volta a promuovere una trasformazione del modello tradizionale di fare scuola legato alla didattica frontale.
I mobile device sono ormai diventati strumenti di uso quotidiano, in grado di supportare e facilitare una serie di azioni del vivere comune: la navigazione in auto, la consultazione di una ricetta, la chiamata multipla, l’apprendimento di una lingua o di una procedura, l’ottenimento di informazioni su eventi, la chat di gruppo.
Progettare in ambito elearning è per sua natura complesso poiché i contenuti formativi sono rivolti ad un'utenza che utilizza modalità di comunicazione diverse rispetto alla didattica tradizionale. Ciò mette in gioco l’adozione di metodologie educative e di apprendimento rivolte ad ottimizzare  l’acquisizione dei contenuti didattici considerando la particolarità del contesto e delle dinamiche che lo caratterizzano. Oltre alla definizione di corrette strategie di apprendimento, è necessario oggi considerare anche altri aspetti che inevitabilmente hanno ripercussioni sulla qualità  complessiva dell’esperienza didattica. Lo User Centered Design (UCD) è una metodologia che offre l’opportunità di superare alcuni scogli derivanti da una cattiva usabilità del sistema che spesso rende difficile l’acquisizione degli argomenti oggetto di studio e più in generale compromette la buona riuscita dell’esperienza elearning. 
Capita di incontrare il venerdì sera qualche amico e di chiedergli come è andata la giornata. E capita che ti venga risposto più o meno così "Bah, ho dovuto fare un corso online obbligatorio per la formazione aziendale, una noia mortale". Tu che stai dall'altra parte, dalla parte di chi quei corsi li pensa e li produce senti una fitta al cuore. Perché è vero, di corsi online ne hai visti di ogni tipo e sai che non sempre raggiungono l'obiettivo desiderato. Realizzare web based training (wbt) d'altronde, non è una cosa che si inventa, è un mestiere fatto dell'incontro di molte professionalità, ognuna portatrice di modelli e sensibilità. Non è portare in formato web un PowerPoint, ma è lavorare con grande entusiasmo e concentrazione per veicolare un contenuto cercando di provocare nell'allievo un'emozione, una suggestione, che lo renda il più efficace possibile.  

Restiamo in contatto

Newsletter 

Newsletter

Sottoscrivendo la nostra newsletter sarai sempre aggiornato con le ultime novità.

 
Scarica le brochure

Scarica le brochure

 

Visiona il nostro catalogo e tutti i nostri documenti.  

  LISTA COMPLETA 
Lavora con noi

Lavora con noi

 

Inviaci la tua candidatura per far parte del nostro team! 

  CONTATTACI

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.

Privacy Policy

Approvo
TOP